Ho una voglia pazza di raccontarvi le mie emozioni di oggi... nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, quando ormai tutti ci aspettavamo che la perturbazione tanto attesa passasse senza lasciare segno, è caduto più di un metro di neve!! Prima delle lezioni di sci ho approfittato del silenzio e del clima ovattato tipico della copiosa nevicata, e mi sono gustato una sensazionale discesa in neve fresca. Voglio essere preciso e specifico che non si è trattato di un fuori pista, esercizio pericolosissimo dopo l'arrivo di una coltre nevosa così abbondante, ma di una discesa in una conosciutissima pista che di lì a poco sarebbe stata solcata da decine e decine di appassionati. I miei sci , in particolare le punte, soffiavano neve come la prua di una nave in mari tempestosi ed io cercavo l'equilibrio. In neve fresca la ricerca della naturalezza e il bilanciamento ideale dei pesi è fondamentale; ti accorci di qualsiasi più sottile variazione e cambio di peso. Ci sono molte teorie sulla sciata in neve fresca ma non è vero che occorre sciare arretrati; solo in alcune circostanze e con nevi particolari è concesso di arretrare un pò per poi far riemergere gli sci con vigore e scioltezza. La neve appena caduta, quella ricca di aria, dona sensazioni di totale libertà e racchiude in sè l'espressione massima dello sciatore che ama la vita e i suoi colori.
Share

Copyright Skisensation.it 2013 ©